Policlinico Cagliari situazione esplosiva

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato giunto in redazione della Segreteria NurSind Cagliari che denuncia una situazione comune a tante altre realtà ma pronta ad esplodere da un momento all’altro.

Le carenze strutturali, il volume di afflusso ai reparti incontrollato, la creazione di letti bis e tris e quando questi finiscono, il ricovero dei pazienti in giacigli approssimativi, in ogni luogo disponibile, corridoio, senza la benché minima dotazione assistenziale, espone pazienti e personale infermieristico a rischi inaccettabili. Non è possibile continuare a sopportare situazioni gravi e imbarazzanti ed esporre tutti ad una soglia di rischio così elevata in termini di mancanza di sicurezza, errori, complicazioni, infezioni ed incidenti di ogni ordine e grado che sono sempre possibili quando la sovraesposizione trasforma il lavoro in una guerra per la sopravvivenza. Com’è possibile accettare ricoveri extra soglia di pazienti gravi senza nemmeno la possibilità di poter ricorrere alla banale, quando non salvavita, somministrazione di ossigeno? Quale dignità del ricovero si può garantire in condizioni da accampamento e quali precisione e qualità delle cure si possono erogare se a volte i pazienti in appoggio vengono dimessi senza mai nemmeno essere passati dal reparto di riferimento?

Le soluzioni prospettate tempo addietro si sono rilevate del tutto insufficienti quando hanno trovato applicazione e pare che al momento nessuno abbia ben chiaro come muoversi considerato che al momento, l’unica cosa concreta è stata l’autorizzazione ad ulteriore straordinario notturno che non è dato sapere come dovrebbe risolvere il problema del sovraffollamento.

NurSind Cagliari denuncia tutto questo, per l’ennesima volta e ritiene che sia giunto il tempo di affrontare con serietà e concretezza i problemi denunciati.

 La Redazione 

 

 

Di seguito, il comunicato della Segreteria NurSind Cagliari

Cagliari.pdf

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento